Archivi tag: spal

Spal, Hellas Verona e Benevento

Immagine tratta da Internet

Il livello delle neopromosse si è alzato rispetto allo scorso anno e questo campionato ha tutte le premesse per regalarci un’appassionante lotta salvezza.

Il campionato di Serie A 2017/2018 è oramai alle porte ed a poco più di 20 giorni alla fine del mercato le squadre che prenderanno parte al campionato cominciano a delinearsi e con esse i loro valori potenziali, molto si è parlato delle grandi squadre, ma poco delle neopromosse. Andiamo perciò ad analizzare il mercato da loro attuato e quante possibilità SPAL, Benevento ed Hellas abbiano di salvarsi con i nuovi innesti: partiamo dal Benevento, che si appresta a disputare il primo campionato di Serie A della propria storia, dopo aver compiuto il ”doppio salto” dalla Lega Pro, impresa riuscita recentemente anche al Carpi tra il 2013 e il 2015, oltre che ad un’altra neopromossa di quest’anno, ovvero la SPAL. Per i campani in panchina confermato Baroni, il quale ritrova una rosa decisamente diversa rispetto a quella della scorsa stagione, nove sono state le cessioni, anche di nomi chiave come Cragno, Falco e Pezzi, i primi due per la fine del prestito e l’ultimo ceduto al Cittadella a titolo definitivo, compensate però da dodici arrivi tra i quali spiccano alcuni nomi importanti e di esperienza nella massima serie: Cataldi, Costa e D’Alessandro. Nei potenziali titolari sono complessivamente sette gli uomini che cambiano, oltre ai precedentemente citati infatti vanno aggiunti Belec, Di Chiara, Letizia e Coda. Benevento per il quale il mercato non è tuttavia terminato, si parla infatti, in seguito al raffreddamento della pista Kishna per problemi legati all’ingaggio, di un possibile arrivo di Alessandro Matri, con il quale la trattativa sarebbe già avviata. Calciomercato per i giallorossi fino a questo momento da 7-, dovesse arrivare Matri 7.
Proseguiamo con la squadra arrivata seconda l’anno scorso, l’Hellas Verona,il quale cede nove giocatori, ma, forte di una maggior disponibilità economica rispetto alle altre due neopromosse, quasi nessun titolare eccezion fatta per Pisano e Siligardi, acquistando invece diversi giocatori di spessore, che potrebbero permettere ai Veronesi di condurre un campionato relativamente tranquillo, sono nove complessivamente gli arrivi, tra i quali sono da evidenziare Cerci, Heurtaux, Caceres e Verde i quali quasi sicuramente andranno ad inserirsi negli undici titolari di Pecchia. Verona che non accenna tuttavia a fermarsi, sembra molto vicino infatti l’arrivo di Kishna dalla Lazio, ma è forte l’interesse anche per Iturbe, che tornerebbe nella squadra che lo ha lanciato dopo alcune stagioni anonime. Voto al mercato dei gialloblù 6,5.
In ultimo analizziamo il mercato della SPAL, la quale torna in Serie A dopo 49 anni vincendo consecutivamente Lega Pro e Serie B. Diversi i cambiamenti nelle fila di Semplici, sono infatti dieci le cessioni, bilanciate però da undici acquisti, tra i quali diversi volti noti della massima serie, quali Mattiello, Oikonomou, Rizzo, Viviani, Grassi, ma sopratutto Felipe (301 presenze nel massimo campionato) e Paloschi (194 presenze in A e 50 gol). Complessivamente potrebbe variare per 6/11 la formazione titolare dei Ferraresi, che saranno guidati in attacco dalla coppia Paloschi-Floccari, che potrebbe fare scintille e creare problemi a più di qualche difesa nell’arco del campionato, se ad essa a centracampo aggiungiamo il buon tasso tecnico di Grassi e l’esperienza di Viviani, il risultato è una squadra che a livello tecnico ha tutti i mezzi per potersi salvare,per la SPAL il mercato è da 7 e mezzo, anche se non ancora chiuso, potrebbero infatti concretizzarsi ulteriori arrivi di alto livello, come il giovane Bonazzoli (attualmente di proprietà della Samp), che fornirebbe una valida alternativa a Floccari il quale difficilmente potrà giocare tutte le partite e Ajeti (ex Torino attualmente in forza al San Gallo).

Barliamone – Il piacere di una SPA(L)

Esistono vari modi per staccare dalla vita quotidiana, trovare un’oretta solo per noi stessi e rilassarci; questo modo può essere stendersi sul divano, fare una passeggiata, andare al mare o nel caso femminile (il più delle volte) andare in una SPA, o più comunemente chiamata “centro benessere”. Gli abitanti di Ferrara hanno trovato quest’anno un altro modo, simile al precedente citato, di “staccarsi” dalla vita normale e godere per 90 minuti: la SPAL. La SPAL è la squadra principale di questa città e quest’anno sta sbalordendo tutti. Nata nel 2013, la società bianco-azzurra ha costruito un notevole progetto che sta andando oltre ogni previsione. Pur non essendo partiti alla grande perdendo 5-1 in Coppa Italia da un Cagliari guidato da uno strepitoso Borriello autore di un poker, i ragazzi bianco-azzurri all’esordio casalingo hanno non battuto, bensì umiliato una squadra come il Vicenza che è una veterana del campionato cadetto.

Le vittorie non sono state numerose a inizio campionato, come è giusto che sia per una squadra che è la prima volta che prende parte a una competizione simile, ma con l’arrivo di Ottobre è partita una striscia di risultati utili incredibile, alcuni con prestazioni spettacolari come la vittoria (sempre 3-0) contro l’Avellino con la tripletta di uno strepitoso Mirko Antenucci, o per 3-1 su un Carpi reduce dalla serie A.

Pochissime le sconfitte di questa formazione, giusto contro il Frosinone, con cui al momento si sta contendendo la vetta, e contro la Pro, non esattamente un top team ma errare è umano. Di chi è il merito di questo sogno? Indubbiamente grande merito va attribuito al mister Leonardo Semplici. Ma la fusione tra l’esperienza di giocatori come Antenucci e Schiattarella alla gioventù e voglia di vincere di Bonifazi e il neo-acquisto Lazzari ha dato quel brio in più per portare ad alti livelli la SPAL; se ci aggiungi anche il muro Meret troviamo una combinazione di efficacia, tecnica e umiltà molto rara in quel campionato.

Il campionato non è ancora finito, non possiamo sapere se i bianco-azzurri manterranno questo ritmo, se arriveranno primi o se si qualificheranno ai play-off. Quello che sappiamo è che stiamo vedendo realizzarsi il sogno di una città intera.

Barliamone

Da ormai 5 o 6 anni il calcio italiano non raggiunge i livelli che lo avevano reso celebre per competitività, qualità e spirito vincente, livelli a cui siamo arrivati specialmente dagli anni 90 con il Milan di Sacchi e degli olandesi, con la sorpresa Samp finalista a Wembley, con l’Italia campione del mondo nel 2006 ed infine con la favola Inter del 2010, una corazzata capace di vincere il triplete. Da lì in avanti la nostra serie A ha perso quella polvere fatata che faceva volare le big milanesi & co e che faceva ogni tanto emergere persino qualche sorpresa.

Ma l’opinione che ha il mondo sul calcio italiano, a mio avviso, non dev’essere ristretta a un banale ‘la Juve stravince in casa mentre le prende in Europa’. In Italia c’è un altro campionato capace ogni anno, per coloro che lo seguono, di far emozionare con favole calcistiche incredibili: la Serie B.

Com’è possibile che ogni edizione del campionato cadetto abbia una o due ‘squadrette’ appena promosse dalla Lega Pro che fanno sfracelli delle altre squadre, magari partite favorite per la promozione nella massima serie? Per chiunque ami il calcio queste vicende non dovrebbero passare inosservate, che sia tifoso di una di quelle squadre, che sia rivale, che sia chi ha perso anche la canottiera strappando schedine.

La favola più nota è quella che lo scorso anno ha visto disputare 2 super-provinciali come Carpi e Frosinone in serie A; nonostante l’immediata retrocessione si sono battute su ogni pallone e si sono fatte rispettare contro squadroni, magari guadagnando qualche punticino in stadi come San Siro (dove il Carpi è tutt’ora imbattuto) o lo Juventus Stadium dove un’incornata di Blanchard ha fatto godere come non mai l’intero popolo ciociaro.

Sempre lo scorso anno in Serie B un’altra squadra si è superata ed è arrivata prima di tutte. Ovviamente sto parlando del Crotone, che purtroppo (un purtroppo molto forzato perchè detto da un genoano) sta disputando un campinato alquanto mediocre dove a tre quarti di stagione ha totalizzato una dozzina di punti, nonostante l’esplosione di Diego Falcinelli e le piacevoli sorprese Cordaz e Barberis; probabilmente vedremo i calabresi nuovamente nel campionato cadetto il prossimo anno, ma con i migliori auguri che con la Serie A si tratti solo di un arrivederci.

Infine, quest’anno, maga Serie B ha estratto dal cilindro 2 neo-promosse che stanno disputando una stagione strepitosa: Benevento e Spal, è ancora presto per tirare le somme ma i presupposti che daranno l’anima per mettere i bastoni fra le ruote a un lanciato Frosinone e un affermato Hellas Verona sempre più pazzo, ci sono tutti.

Questo campionato di Serie B – come al solito del resto – è l’ennesima prova che per volare non servono i soldi, bastano i sogni.