Archivi tag: neymar

Fuori dal coro – Quanto vale il record di Neymar?

(Immagine di copertina tratta da Internet)

Da qualche giorno, con la rete segnata in Nazionale contro l’Uruguay, il brasiliano Neymar sta venendo etichettato come uomo record. Il fenomeno del Barcellona, infatti, ha segnato il gol numero 304 in carriera all’età di 25 anni, record storico nei migliori pari età di tutti i tempi.

Il numero di gol dei migliori calciatori del mondo a 25 anni, con Neymar che supera Messi di 9 reti (statistiche trovate su internet)

 

Come detto, il numero 11 blaugrana sta venendo definito come un recordman, con i suoi 25 anni compiuti lo scorso 5 febbraio e numeri pazzeschi sia come realizzazioni (304, appunto) sia come presenze in campo (501). Se però andiamo ad analizzare meglio questa statistica, possiamo benissimo dire che come “valore assoluto” (il numero, alla fin fine, non si discute), ma se guardiamo i dati con occhio un po’ più critico, possiamo mettere in dubbio il suo primato.

Come? Dando una sorta di valore al gol in base alla competizione giocata. I gol di Neymar sono così suddivisi: 136 reti con il Santos, 99 con i Barcellona, 18 con le selezioni giovani del Brasile (Olimpiade compresa) e 51 con la Nazionale maggiore. Ed è ovvio che non tutti questi gol abbiano lo stesso valore!

Il metodo si può definire simile a quello usato per la classifica della Scarpa d’Oro: i gol segnati in Serie A, Premier League o Liga valgono più di quelli segnati in Ligue 1 o nel campionato russo (sono degli esempi), così per esempio Lionel Messi, al primo posto della classifica attuale con 25 reti, è in vantaggio su Edinson Cavani che ne ha fatte 27 semplicemente per il fatto che ogni gol nella Liga vale 2 punti mentre quelli in Ligue 1 ne vale 1,5.

Se quindi dessimo, per esempio, un valore di 1 punto alle reti in Nazionale maggiore e a quelli segnati con il Barcellona, e 0,5 punti alle reti con Santos e selezioni giovanili (il livello è più basso nel campionato brasiliano e nelle selezioni giovanili) l’asso blaugrana raggiunge 227 punti, contro i 287 di Messi nelle stesse condizioni (279 tra Barcellona e Argentina più gli 8 con le selezioni giovanili dell’Albiceleste).

Sia ben chiaro: il valore del brasiliano non si discute e lo possiamo definire “miglior marcatore Under 26 degli ultimi anni”. Per definirlo miglior giocatore della stessa categoria, però, dovremo aspettare ancora un po’.

Dopo tutto, ha tempo fino al 4 febbraio del 2018 per segnare una sessantina di reti…

 

PSG con i remi in Barça. I blaugrana scrivono la storia.

OBIETTIVO: SCRIVERE LA STORIA- Dopo il 4-0 da fantascienza al Parco dei Principi, è una partita che rimarrà alla storia, comunque vada: per il Paris c’è l’occasione più che concreta di eliminare la squadra dei marziani, facendo fruttare il bottino dell’andata; per il Barcellona, la voglia di ribaltare un 4-0, impresa mai riuscita prima.

Pronti, partenz… 1-0!! Neanche il tempo di partire, Suarez la butta dentro. Prevedibile, si immaginava che il Barcellona avrebbe tentato un assedio prorompente. Dopo la dormita difensiva, il PSG si ricorda che il riscaldamento è finito; decide di iniziare a impostare una partita difensiva, e l’unica opzione d’attacco sono le ripartenze, che con Lucas e Draxler possono essere devastanti: prevedibile.

Quello che non si può prevedere è il colpo del campione, del genio assoluto: al 40′ Andres Iniesta tira fuori dal cilindro un colpo di tacco che manda in cortocircuito Trapp e Kurzawa, che la butta dentro, ma nella porta sbagliata: 2-0.

LA “MSN” – “Messi-Suarez-Neymar”? No. “Mai Stati Normali”. Perché il trio sudamericano decide che è il momento di entrare negli almanacchi di storia. Dopo 5 minuti della ripresa Neymar si procura un rigore per fallo di Meunier. Neymar scrive, Messi esegue: 3-0. Il Camp Nou è in visibilio, l’impresa ora è possibile.
O forse no: Cavani porta sul 3-1 il risultato, con un collo esterno che fulmina Ter Stegen. Minuto 62′. Gli stati d’animo si invertono: al Barça servono altri 3 gol, perché quello del Matador, in trasferta, vale doppio. Euforia Paris, sogni infranti Barcellona.

“Mai Stati Normali”. Già. Una squadra normale sarebbe già con la testa negli spogliatoi, a pensare a quanto sarebbe stato bello riuscire almeno a portare la partita ai supplementari. Soprattutto se se il cronometro segna 87′.

Ma “O’ Ney” dipinge una punizione capolavoro, e Trapp non può fare altro che raccogliere il pallone dal fondo della rete. Barça 4. PSG 1.

Sembra impossibile. SEMBRA. Dicevano i latini “fortuna audaces iuvat”: stasera i più audaci sono quelli con la casacca a bande rosso-blu, e la fortuna decide di assisterli. O meglio, l’arbitro. Al 90′ rigore (molto) generoso per fallo su Suarez: il rigorista designato con la 10, che di nome fa Lionel, lascia il posto al brasiliano: anche Messi si è accorto che Neymar stasera ha il piede magico. Rincorsa al cardiopalma, il silenzio prima del boato: 5-1.

5. Minuti. Di. Recupero.

Panico negli occhi dei parigini. “Garra”, grinta in quelli dei catalani. Per 5 minuti la palla non entra più, la candela della speranza sembra aver finito la cera.

IL GOAL DELLA STORIA – È l’uomo meno atteso che la risolve. Sull’ultimo pallone disponibile buttato nell’area del PSG, la difesa in maglia bianca è concentrata su Piqué, il più pericoloso sui palloni alti, con 3 uomini su di lui. Ma si perde Sergi Roberto, uno dei più piccoli: sbuca alle spalle di Matuidi, e in spaccata trafigge Trapp. 6-1!!!
PARADISO BLAUGRANA. Fischio finale: la storia è scritta.

LEGGENDARI, MA CHE SPRECO PSG – Il miglior sceneggiatore non avrebbe saputo scrivere trama più avvincente. Ci possono essere milioni di interpretazioni, su vittoria meritata o meno, per aiuti arbitrali o meno. Un fatto però certo c’è: il PSG ha sprecato un’opportunita più unica che rara. Dopo una vittoria per 4-0 in casa, al Camp Nou devi pensare a difenderti a oltranza. Emery ha impostato la squadra come se quella di ieri fosse una partita qualsiasi. Centrocampo troppo votato al palleggio e poco all’interdizione, con l’ingresso di Krychowiak che è stato effettuato quando ormai il Barcellona aveva deciso che l’avrebbe vinta. E Kimpembe lasciato in panchina, dopo la sontuosa prestazione di Parigi con un Suarez anestetizzato, è un’enorme falla nell’11 iniziale.
Forse pensava di poter fare la partita anche al Camp Nou. Atteggiamento audace. La fortuna aiuta gli audaci. Ma in una partita ad eliminazione diretta, solo 11 giocatori possono uscirne vincitori. E questa volta, la dea bendata ha deciso di posarsi su quelli “Mai Stati Normali”.

Robe da PSG

Robe da pazzi. Se Mediaset cercava una prova per poter rinfacciare alle emittenti rivali di essersi assicurata la competizione più bella in circolazione, dopo la partita di questa sera ha un buon motivo per potersi vantare di trasmettere la Champions League in diretta. Già, perché chi ha avuto la fortuna di assistere a Barcellona contro Paris Saint-Germain la dimenticherà difficilmente.

Sarebbero bastate 4 reti senza subirne, ma ne sono arrivate 6: come se non bastasse la rete di Edinson Cavani si è trasformata da probabile ammazzacaffè a inizio della fine, visto e considerato che da quel momento i parigini hanno spento la luce permettendo a Neymar di accendersi e risplendere di luce propria. 3 gol in 5 minuti, doppietta del brasiliano ed assist per Sergi Roberto nell’ultima azione della partita.

PSG, Paris Saint Germain Prende Sei Gol. Va bene, può bastare.

LA FRASE DEL GIORNO

“Abbiamo il dovere di provarci e io sono fiducioso. Se un rivale è stato capace di farci 4 gol io so che noi possiamo farne 6 di reti.
Sono convinto che nel corso della gara ci sarà un momento nel quale saremo vicini alla qualificazione. Non so come andrà a finire, magari segnano loro, magari restiamo solo vicini senza arrivare alla meta, ma sono sicuro che ci sarà un momento nel quale ‘vedremo’ la possibilità di passare. A me la storia non interessa nulla, io voglio solo vincere” – Luis Enrique

IL TWEET DEL GIORNO

IL VIDEO DEL GIORNO