Archivi tag: iacobucci

Iacobucci: che brutto pesce d’Aprile

[Immagine in copertina tratta da internet]

Altra, nuova, ennesima partita letteralmente gettata alle ortiche. Ma se la sconfitta interna con la Salernitana 2 turni fa è servita per crescere mentalmente, il pareggio di ieri contro il Brescia lascia in bocca alla Virtus il retrogusto di una vera e propria beffa.

IL MATCH – Entella che parte forte: il primo tempo è ben interpretato dai biancocelesti, che mettono in mostra la propria netta superiorità tecnica. Gioco veloce e verticale, ed è così che al 18′ nasce l’1-0: lancio di Troiano da metà campo per Caputo, che protegge il pallone in area, aspetta l’arrivo di Moscati e scarica dietro; conclusione non fulminante ma Minelli ci mette del suo e palla in rete. Poi sfiorato il 2-0 con Ammari che svernicia la traversa.

Secondo tempo che vede la reazione dei padroni di casa, più cattivi e che costringono la Virtus ad abbassarsi. Sarà l’aria di primavera, sarà il buon cuore, ma Iacobucci compie la prima sbavatura del suo match: cross dalla sinistra di Caracciolo, il portiere esce a vuoto, Sini fa peggio (forse ingannato dal movimento del suo estremo difensore) e Ferrante al minuto 53′ insacca da due passi il goal del pareggio. Ma Caputo è in gran giornata e riporta avanti i chiavaresi: dopo un contropiede Diaw lo serve in profondità e sinistro vincente: 2-1 Entella al 74′. Il Brescia però non è mai domo, e meriterebbe il pareggio per quanto visto almeno nella seconda frazione: Iacobucci se ne accorge e al 95′, quando ormai sembrava fatta anche soffrendo, su un pallone innocuo perde la presa in uscita alta, sfera che rimbalza sul suo ginocchio e pareggio regalato a tempo scaduto.

MANCA ANCORA QUALCOSA – A prescindere dalla giornata nera di Iacobucci, che ci può stare visto che in tante altre occasioni ha compiuto veri e propri miracoli, quello che emerge dalla partita di ieri è la discontinuità all’interno della stessa partita: Breda dispone bene i suoi, il gioco c’è ed è efficace, ma ogni tanto la lampadina di spegne e la squadra inizia a subire, sembra confusa. Per poi riaccendersi improvvisamente, trascinata spesso da Ciccio Caputo, tra l’altro ieri anche uomo assist e al 100° goal tra i professionisti e al 16° in campionato. Lo scatto non va fatto a livello tecnico, perché è innegabile la qualità degli uomini e della manovra, ma per iniziare a togliersi veramente delle soddisfazioni occorre che la testa sia sul pezzo per tutti i 90 minuti.

CLASSIFICA DOLCE AMARA – 2 punti persi che potevano fare più che comodo visti i risultati delle altre pretententi ai play-off: vincono Perugia, Benevento e Cittadella, che così si staccano di 4 (le prime due) e 3 punti (i granata) dal secondo trenino ancora in lotta guidato proprio dai Diavoli Neri a quota 47, a parimerito con Bari e Carpi. Ma attenzione dietro, perché Novara, Salernitana e Spezia puntano l’obiettivo come tutte, e a 9 partite dal termine tutto può succedere. Ora voltare pagina e testa all’Ascoli, insidiosissimo davanti con i suoi baby-fenomeni Favilli-Orsolini e l’esperienza di Cacia, ma tra le mura di casa e dopo la lezione di ieri, martedì sarà battaglia per 90 minuti e anche più.