Archivi tag: educazione siberiana

Educazione siberiana

Un momento, fermi tutti. La Siberia meglio non nominarla.

A dire il vero converrebbe non nominare proprio la Russia, visto che Andriy ha rifiutato un’offerta faraonica da San Pietroburgo presentando come motivazione: “Non vado a giocare per gli invasori della mia Ucraina”.

Per alcuni l’erede di Sheva, per altri soltanto uno spaccone, per gli amanti del contropiede un semplice gioiello da cristalleria. Signore e signori: Andriy Yarmolenko.

yarmolenko

“La vera arma del gentiluomo è l’eleganza”

 

VITA DI PERIFERIA

“La Dinamo ha fatto tanto per me, posso dire che è una seconda famiglia. Se non ci fosse stata la Dinamo nella mia vita, non so dove sarei adesso. Questa società mi ha reso quel che sono oggi. Io non posso che esserle grato per tutto ciò.”

 

Ci sono giocatori il cui talento si vede fin da quando sono bambini, giocatori che ti fanno chiedere “ma sto davvero vedendo tutto questo?” salvo poi perdersi nelle grotte delle giovanili aspettando il tanto atteso salto di qualità.

Questo stava per capitare anche a lui, ad Andriy Yarmolenko, giovanissimo bambino che venne bloccato all’istante dagli scout dalla squadra più importante d’Ucraina: la Dinamo Kiev.

Non facile ambientarsi in una realtà così grande quando hai solo 12 anni, lo è ancor di meno se sei stato abituato fin dal giorno prima a fare magie per pochi intimi in uno stadio intitolato a Yuri Gagarin, noto cosmonauta ucraino.

Jurij Alekseevič Gagarin è stato un cosmonauta, primo uomo a volare nello spazio il 12 aprile 1961.

Jurij Alekseevič Gagarin è stato un cosmonauta, primo uomo a volare nello spazio il 12 aprile 1961.

 

La storia di Andriy Mykolaiovich Yarmolenko comincia infatti alla Desna Chernihiv. squadra dal nome tanto complicato quanto importante per la crescita del ragazzo che, dopo un paio di mesi da fantasma, chiede e ottiene il permesso di ritornare a giocare proprio a Chernihiv.

Qui si rigenera, torna il fenomeno di sempre, quello schiacciasassi troppo alto per essere contrastato ma talmente veloce da lasciare tutti storditi: del resto l’aria di casa fa sempre bene.

Una squadra lungimirante sa bene di non dover mai perdere di vista chi anche se per pochi mesi è stato ritenuto all’altezza, infatti dalla Dinamo Kiev viene mantenuto costantemente un occhio di riguardo. Un riguardo che diventa offerta irrinunciabile quando, nel 2007, le Merengues dell’Est tornano a bussare alla porta di casa Yarmolenko: questa volta ha le valigie già pronte, ormai è temprato.

 

“IL RAGAZZO SI FARA’, ANCHE SE HA LE GAMBE STRETTE”

L’11 maggio 2008 arrivano nello stesso giorno l’esordio in Dinamo – Vorskla Poltava e il primo gol in maglia bianco blu: praticamente un predestinato.

In una partita clamorosamente rocambolesca, la Dinamo passa in vantaggio nel primo tempo salvo poi venire recuperata dai rivali in maglia verde del Vorskla; di qui un susseguirsi di emozioni, con due rigori sbagliati dai padroni di casa fino al momento dell’ingresso di Yarmolenko.

Numero 70, capelli spettinati e fisico ancora non pervenuto, fatto sta che la palla del match arriva a lui. Punizione calciata nel classico mischione dell’ultimo minuto, doppia deviazione che costringe il portiere a un miracolo in tuffo ma sulla ribattuta c’è il giovane Yarmolenko.

Gioco, partita e incontro.

 

“MI HANNO INSEGNATO CHE LA VITA E’ UNA GUERRA E ORA SO COME COMBATTERLA”

yarmolenko

“Il nostro staff tecnico ci vuole aggressivi sia in difesa che in attacco. In questa maniera possiamo gestire il possesso palla e attaccare più che difendere.”

 Arrivano i titoli con la squadra e quelli personali; grazie alle oltre 100 reti da quanto veste la maglia della Dinamo Kiev e alle prestazioni da urlo con la nazionale ha vinto sia nel 2013 che nel 2014 il premio come “Miglior Giocatore Ucraino” dell’anno. Con l’amico Konoplyanka si spartiscono premi, oltre alle fasce quando si gioca in nazionale; Andiy un’ala destra, Yevhen un attaccante che ama partire dalla sinistra per rientrare e chiudere col piede destro.

Ad oggi in Prem’er-Liha, Yarmolenko può superare il record personale di reti (12), stabilito nella stagione 2011-12 ed eguagliato nel 2013-14.

Andriy Yarmolenko con gli anni è cresciuto, lo ha fatto tanto con la Dinamo quanto con la nazionale Ucraina, che si prepara a fare da outsider nel girone con la Francia, puntando tutto proprio sulla coppia d’acciaio con Konoplyanka.

Yarmolenko ama alla follia partire dalle corsie laterali, accentrarsi con un guizzo e scaricare sul secondo palo un colpo potente e chirurgico.

E’ un’ala destra atipica ma veloce che illumina da anni un campionato per il resto dalle luci soffuse come l’Ukrainian Premier League.

Grafico tratto da WyScout, sponsor ufficiale numerosette.eu

Grafico tratto da WyScout, sponsor ufficiale numerosette

 

Dal punto di vista realizzativo non è di certo un bomber irrefrenabile, ma il gioco di Yarmolenko è principalmente rivolto a mandare a rete compagni di squadra; i dati d’interazione con i compagni mostrano infatti come il 71% dei suoi passaggi nella metà campo avversaria sono diretti verso la porta, e tra questi il 58% sono andati a buon fine.

 

 

GIOCARE ALLA YARMOLENKO

Yarmolenko è un giocatore che abbellirebbe ogni tridente, decisamente più alto degli standard per un “winger” visti i suoi 189 centimetri ma dotato di una velocità straripante.

yarmolenko

 

 

 

 

 

Una delle specialità della casa è il colpo di tacco “a rientrare e disorientare”, quella giocata tanto esteticamente fastosa quanto materialmente efficace per mandare al bar il diretto avversario che si aspetterebbe un dribbling in progressione. Non è di certo il primo né l’ultimo esterno d’attacco a farne uso, non in ultimo Cristiano Ronaldo ama prendersi gioco degli altri con questo trucco, ma almeno una volta a partita vedrete Yarmolenko tentare di saltare qualcuno con il tacco: evidentemente gli piace e basta.

Il tiro è potente e caratterizzato dal collo del piede teso e un’escursione breve della gamba dopo la conclusione, tiro che viene liberato quasi sempre da posizione defilata rispetto al centro dell’area; proprio per questo, dovendo superare il portiere spesso ben piazzato, occorre un pallone liftato che vada a freddare l’estremo difensore sul primo o sul secondo palo.

yarmolenko

Yarmolenko ama partire da lontano andando a recuperare il pallone anche in mezzo al campo, se necessario, salvo poi ributtarsi a capofitto verso l’area di rigore

Il tiro è un bolide: ciao Everton e Howard può solo guardare

Il tiro è un bolide: ciao Everton e Howard può solo guardare

 

Andriy Yarmolenko non è un giocatore come tutti gli altri.

Non lo era da bambino e non lo può essere di conseguenza neanche oggi, a 26 anni e con un Europeo all’orizzonte.

Yarmolenko non è come tutti gli altri soltanto perché ha scelto di non esserlo, perché ha scelto di lasciare la Dinamo per tornare nello stadio di Yuri Gagarin, perché alla Dinamo è poi tornato e ora le giura amore eterno, non è come tutti gli altri perché fondamentalmente lui gli altri non li vede nemmeno. Nel 2013 rifiutò lo Zenit dicendo che non sarebbe andato a giocare per il paese che sta invadendo la sua Ucraina.

Beh, solo per dovere di cronaca, Andrij Mykolajovyč Jarmolenko è nato proprio a San Pietroburgo.

Ma a lui non importa dove sia nato, l’educazione che ha ricevuto in Ucraina glielo ha insegnato.

“Si nasce, si cresce, si lavora, si muore. Alcuni si godono la vita, altri no: noi la combattiamo.”

yarmolenko

“Da quassù la Terra è bellissima, senza frontiere né confini” (Yuri Gagarin)

Scritto e disponibile su Numerosette.eu
Scritto e disponibile su Numerosette.eu