Archivi tag: Diego Alves

L’eroe senza mantello

[Immagine di copertina trovata su Internet]

Immaginiamo una qualsiasi partita di calcio. Immaginiamo una qualsiasi azione offensiva di un attaccante. Immaginiamo la percussione. Uno, due difensori saltati. A questo punto l’attaccante entra in area, un difensore interviene in modo scomposto e…

RIGORE!

I difensori vanno attorno all’arbitro, chiedendo spiegazioni e protestando un po’. L’attaccante a terra, invece, si alza aiutato dai compagni e esulta con loro, seppur con un po’ di contegno.

Perché? Perché il rigore è la massima punizione che si può dare in una partita di calcio, perché di solito un rigore equivale ad un gol.

Di solito. Questo perché la porta è grande, molto grande. 7,32×2,44 metri, fanno ben 17,86 metri quadrati di porta. Enorme per un portiere alto 1,85-1,90 metri.

C’è però un portiere davanti al quale è difficile pensare di esultare prima di aver tirato il calcio di rigore: Diego Alves.

Brasiliano, classe 1985, con una carriera di cui si può dir tutto, tranne che sia stata esaltante da un punto di vista del palmarés: solo un Campionato Mineiro (risalente proprio a quando giocava per la squadra brasiliana), un terzo posto al Mondiale Under20 nel 2005 e il bronzo olimpico alle Olimpiadi di Pechino del 2008.

Diego Alves para un rigore a Cristiano Ronaldo (foto trovata su internet)

Gioca due anni proprio nell’Atletico Mineiro, poi emigra in Europa, nella Liga, per difendere i pali dell’Almerìa, e infine arriva al Valencia, dove gioca tuttora.

Ed è in Spagna che comincia la sua vera storia. Perché se da un punto di vista di gol subiti per partita lo score non è che sia tutto questo granché (420 reti in 307 partite, 1,37 a partita), quello che fa impressione è lo score che detiene proprio quando difende la sua squadra da un calcio di rigore!

Ieri, contro il Deportivo, il brasiliano si è visto fischiare contro il 50° rigore contro da quando è in Spagna. Sul dischetto si è presentato Fajr, e Diego… ha parato il suo 24° rigore da quando è in Spagna!

Le sue statistiche sono impressionanti: su 50 rigori che ha dovuto affrontare, il 31enne ne ha parati ben 24 (48%), uno se l’è visto tirare fuori, uno sulla traversa e davanti ai restanti 24 non ha potuto far nulla.

E tra le sue vittime ci sono personaggi illustri come Messi, Cristiano Ronaldo, Griezmann, Mandzukic, Diego Cpsta, Rakitic, Bacca… non gli ultimi arrivati!

A guardar lui sembra facile: appena fischiato il fallo da rigore si dirige verso il dischetto per disturbare il tiratore designato, stuzzicandolo in qualche modo per innervosirlo, poi torna tra i pali e lo guarda negli occhi fino a quando il penalty non viene tirato. Lì si compie la magia: si butta all’ultimo, a volte fa un passo in avanti (che da regolamento non si potrebbe fare) e di distende verso il palo battezzato dallo sguardo del tiratore, spesso quello giusto.

A Valencia lo amano, lo vedono come un eroe che ha salvato i colori il Taronges ben 14 volte da quando ne difende i pali.

In Nazionale, invece, Alves ha giocato solo 9 volte. Nell’ultima edizione della Copa America era il dodicesimo del giallorosso Alisson (foto: Mundo Deportivo)

Diego Alves vola tra i pali, pur non avendo il mantello.