Archivi tag: atletico madrid

Orgogliosi di essere i cugini sfigati

Ieri sera, in Spagna e più precisamente a Madrid, si è giocato uno dei derby più sentiti del calcio europeo. Atletico Madrid-Real Madrid. Simeone-Zidane. Griezmann-Cristiano Ronaldo.
Ma era un derby speciale, questo. L’ultimo derby giocato al Vicente Calderòn! A partire dalla prossima stagione, le gare casalinghe dei Colchoneros si giocheranno al Wanda Metropolitano.

Il Wanda Metropolitano potrà ospitare fino a 66.000 persone e sarà coperto in caso di pioggia (Immagine trovata su internet)

Ma non è l’argomento di questo articolo. Come nemmeno lo è il risultato di ieri. Prima del fischio d’inizio, sugli spalti, è spuntata una grande coreografia, tenuta dai tifosi rojiblancos.
“Orgullosos de no ser como vosotros”. “Orgogliosi di non essere come voi”.


Così a freddo, può sembrare una cosa dettata dalla rivalità che divide la Madrid “Real” dalla Madrid “Atletico”. Cosa piuttosto normale: il tifo organizzato, quello serio, (ma, sia ben chiaro, non violento) trova sempre coreografie e striscioni spettacolari, da applausi. Per loro è un grande evento. E organizzare coreografie del genere non è sempre facile.
Pensandoci un po’ di più, poi, si potrebbe trovare però un significato più nascosto.
“Orgogliosi di non essere come voi”.
È quel “come voi” che mi ha fatto pensare a questo pezzo.
“Voi” è il Real Madrid. E il Real Madrid è una delle squadre più forti e vincenti della storia, con 81 titoli in bacheca, giocatori fortissimi come Benzema e CR7, con un passato segnato da Raùl, Ronaldo, Zidane, Beckham…
Quell'”Orgogliosi di non essere come voi” può essere tradotto, quindi, in “Orgogliosi di essere come noi”. L’Atletico Madrid è una squadra con molte meno soddisfazioni e molti meno titoli in bacheca (28), meno potente dal punto di vista mediatico e anche nel valore assoluto della rosa, senza nulla togliere a Griezmann, Carrasco e Godìn.
Con quel messaggio, quindi, i tifosi dei Colchoneros si sono definiti “Orgogliosi di essere i cugini sfigati”. Ed è questa la parte bella del tifo: lasciar da parte la voce “Titoli”, tifare la propria squadra perché è bello farlo, nel bene e nel male, sfruttare ogni momento per dirsi “Io sono tifoso della squadra, e la sostengo sempre”.
“Orgullosos de no ser como vosotros”. Orgogliosi di non essere i cugini vincenti, ma quelli sfigati.
Non è detto che nella testa degli organizzatori sia passato quello che ho scritto io. Magari il messaggio era un altro, molto più blando. Ma a me piace pensarla così.

Ruggero Rogasi
Twitter @RuggeroRogasi

E vissero tutti…

Ammettiamolo, visto l’ultimo periodo ci aspettavamo tutti che sarebbe arrivato questo momento, ma in cuor nostro speravamo che questo momento, appunto, non sarebbe mai arrivato.

Ieri sera, al King Power Stadium, verso le 21:10 (ora italiana) è finita, stavolta per davvero, la favola Leicester. 26° minuto, Saul Niguez raccoglie l’assist di Filipe Luis e supera Schmeichel, davanti ai tifosi delle Foxes che credevano nella rimonta. Credevano di ribaltare quel misero 1-0, siglato Griezmann su rigore, del Vicent Calderon. A nulla è servito, al 61° minuto, il gol del pareggio di Jamie Vardy, e a nulla sarebbe servito un altro gol (i campioni d’Inghilterra avrebbero dovuto vincere con almeno due gol di scarto).

Fine della favola, quindi. Fine di una favola iniziata nell’agosto del 2015 e sviluppatasi nel corso del tempo, in nove bellissimi mesi, con un bravissimo narratore quale è Claudio Ranieri e i magnifici protagonisti che rispondono al nome di Jamie Vardy, Riyad Mahrez, N’Golo Kanté e tutti gli altri.

Questo perché il Leicester City dell’anno scorso aveva, sì, tre giocatori fondamentali su cui basava il suo gioco (i tre sopracitati, appunto) ma la sua vera forza era il gruppo. E, quindi, quando a “toppare” erano loro tre ci pensava qualcun altro a metterci le pezze (che sia Okazaki, Drinkwater, Morgan, Huth, Ulloa…).

A titolo vinto è arrivato l’appagamento. Giocatori e società si sono sentiti sazi, si sono sentiti troppo sicuri di sé, e si sono lasciati andare, rendendosi protagonisti quindi di una stagione da dimenticare. La peggior stagione di una squadra campione d’Inghilterra.

A marzo arriva così l’esonero di Claudio Ranieri, che lascia la squadra in piena lotta per la lotta salvezza nelle mani di William… ehm… Craig Shakespeare con la speranza che, dato il nome, la tragedia si trasformi in salvezza. Ed in effetti la squadra si rialza e si avvia verso una salvezza tranquilla (adesso i punti di vantaggio sullo Swansea, terzultimo, sono 9 con una gara in meno).

L’errore più grande, e qui parlo di una mia personalissima opinione, lo ha fatto la società in estate, sacrificando N’Golo Kanté per il Dio Quattrino (ma bisogna anche vedere quanto può aver pesato la decisione del francese). Il classe 1991, non mi stancherò mai di dirlo, è un giocatore unico, che riesce a sistemare da solo la linea mediana. Hazard, qualche mese fa, disse che giocando insieme a lui pare di “giocare con tutti e tre i gemelli Kanté in campo” (e non ha gemelli, sia ben chiaro). Oppure gira la battuta “La Terra è ricoperta dal 70% d’acqua e dal 30% di Kanté”.

Questo per dire: N’Golo fa un lavoro eccezionale per la squadra in cui milita, correndo e sbattendosi per 90 minuti, 38 giornate all’anno (più coppe).

Tornando alla fine della favola: ieri, quindi, si è consumato l’ultimo atto, tra le lacrime dei tifosi e degli appassionati che speravano in un altro miracolo sportivo. Quando sarà possibile un’altra Favola Leicester? Difficile dirlo: in Premier le solite 6 hanno ripreso saldamente il potere (si è aggiunto anche l’Everton, settimo, che ha 13 punti di vantaggio sul West Brom ottavo), in Italia e Germania sarà difficilissimo scalzare Juventus e Bayern Monaco prima di 5-6 anni. In Spagna è un duetto Barcellona-Real Madrid infastidito dall’Atletico. Forse in Francia le cose sono più aperte, con il Monaco e il Nizza che stanno riuscendo a rendere la Ligue 1 un po’ meno monopolizzata dal PSG.

Resta il fatto di aver avuto la fortuna di assistere alla favola calcistica più bella degli ultimi anni, in cui una squadra di (non me ne voglia nessuno) gregari che si è imposta nel calcio che conta, nel campionato più ricco, antico e tradizionale d’Europa.

Ricorderemo tutti quel #GoFoxes, portandocelo stretto nel cuore.

Better Call Saul

“Ti conviene chiamare Saul. Parliamo spagnolo!” (Saul Goodman, Breaking Bad)

Eccome se si parla spagnolo. Il castellano di Madrid e dintorni rimane la lingua più diffusa, nonché quella ufficiale, della nazione iberica. Ma questo non importa, perché come Saúl Niguez invece se ne trovano davvero pochi. Un po’ come quelle persone anziane che quando parlano dei giovani di oggi si lasciano andare a un laconico: “Eh, ma quelli di una volta non ci sono più…”.

José Antonio Niguel, noto come Borja, gli ha trasmesso il gene del calcio. Il piccolo Saúl viene ingaggiato nelle giovanili del Real Madrid – sì, avete letto bene – all’età di dieci anni. Anche nel Paradiso del calcio, tuttavia, c’è qualcuno che si diverte a commettere peccati e mettere in seria difficoltà i novizi appena sbarcati nella grande accademia blanca. Cosa che accade al povero ragazzo di Elche, che infatti rimarrà turbato dall’esperienza con i Merengues.

Proprio quei Merengues che decisero di puntare su quel bambino filiforme, salvo poi scaricarlo per quello stesso fisico – a detta loro – troppo poco sviluppato per poter competere con i Pepe e i Sergio Ramos di turno. Bravino Saúl, ma facilmente sacrificabile. Perché alla cantera madridista sono convinti che di prospetti come lui, in quanto a rapporto talento di base-struttura fisica, le giovanili trabocchino.

“In campo andava tutto alla grande, ma fuori avevo molti problemi. Spesso mi hanno rubato scarpini e cibo, sono stato anche accusato e punito per delle cose che in realtà non avevo mai commesso.”

“Non avevi pensato a questa evenienza?” Così avrebbe apostrofato l’avvocato Saul Goodman in uno dei suoi spot televisivi a metà fra parodia e marketing spinto al parossismo.

Midfield in trouble? Fellaini? (epic win)

Tre anni nelle giovanili dei Blancos gli sono bastati, perché mister Pepe Fernández gli parla con insistenza di materassai e finisce che se lo porta sulle rive del Manzanarre. Qui arriva Quique; non si tratta di un gioco di parole ma dell’allenatore dell’Atlético Madrid, Sánchez Flores, che, dopo averlo visto all’opera con i giovani, decide di gettarlo nella mischia al fianco del Kun Agüero e di Diego Forlán.

La prima con la maglia dei Colchoneros arriva l’8 Marzo 2012, un diciassettenne Saúl entra al posto del canterano Koke e debutta contro il Besiktas diventando il giocatore più giovane a vestire il biancorosso in una gara ufficiale. La famiglia Niguez c’è e filma tutto, mamma e papà orgogliosi del figliol prodigio, lanciato dal padre ma arrivato fin laggiù con le proprie, esili gambe.

A fine stagione arriva però il momento decisivo: promozione definitiva in prima squadra o un giro di gavetta nei bassifondi della Spagna? Vada per la seconda: il giovane talento si accasa al Rayo Vallecano e tutti accontentati, per quella che appare come una necessaria tappa intermedia di formazione in una carriera che ha tutte le credenziali per spiccare il volo.

Saul con la maglia del Rayo Vallecano

Felice anche il ragazzo, che così potrà pure raccontare di aver girato tutte e tre le squadre di Madrid per provarle davvero di tutti i colori. Anche a costo di perdersi nelle sabbie mobili del fondo classifica, stabilmente occupato dalla squadra di Vallecas: “Avere la coscienza pulita ha il suo prezzo”, citando l’omonimo Saul, l’avvocato Goodman.

“Le gusta el Atlético y se siente atlético.”

Nel 2014 torna a Madrid, o meglio si sposta di qualche chilometro per giocare finalmente al Vicente Calderón: ormai le partitelle con Agüero e Forlán sono solo lontani ricordi, perché Diego Simeone lo vuole reclutare nel suo gruppo di spartiati e Saúl, non ancora ventenne, si fa trovare subito pronto.

La prima stagione è più che soddisfacente perché, anche se l’Atlético deve difendere lo storico titolo alzato nella precedente annata ma non riesce nell’impresa piegandosi sul finale al Barcellona delle meraviglie, per Saúl Niguez arrivano 35 presenze e 4 reti, di cui una memorabile.

È di scena il derby di Madrid in un Vicente Calderón bollente. Dopo 10 minuti di gioco l’indispensabile Koke si fa male e l’Atlético è costretto ad effettuare un cambio: entra Saúl,proprio come all’esordio.

La BBC commenta così

Persino i cronisti della BBC, in uno slancio di british humourscherzano sull’ingresso in campo del giovane Saúl, tirando in ballo l’omonimo avvocato intrallazzone di Breaking Bad.

Dopo un minuto passa in vantaggio la squadra di Simeone, grazie al provvidenziale Tiago. Due minuti dopo, azione strepitosa di Siqueira che, appena ricevuto uno scarico parte dritto sulla fascia sinistra, si avvicina alla linea di fondo e crossa in mezzo: nel posto giusto al momento giusto c’è il giovane rinnegato dal Madrid, che si gira, si coordina e gela con una rovesciata perfetta la sua ex squadra e Carlo Ancelotti.

All’asettico bianco del Real si contrappone il fuoco agonistico dell’Atlético, letteralmente esploso per una rete tanto decisiva quanto meravigliosa; chissà cosa avranno pensato in quel momento gli allenatori delle giovanili dei Blancos, forse saranno corsi a nascondersi in bagno per dileguarsi dalla tribuna? Tant’è. Risultato finale: Atlético 4 – Real Madrid 0,tripudio rojiblanco. Alla faccia della chiamata d’emergenza.

Il resto è cronaca: quest’anno per Niguez sono raddoppiate sia le presenze che le reti. In campo è un giocatore estremamente duttile, elegante e soprattutto fenomenale nel gioco di prima. Un geometra con personalità da vendere, che apre il campo scambiando palla a terra con i compagni di reparto e con un Griezmann onnipresente e tuttofare. Bravino anche di testa e sorprendente nel leggere in ogni dettaglio il maniacale gioco di posizione e pressing richiesto dal Cholo. Che infatti non ci rinuncia più, arrivando a schierarlo addirittura in quattro posizioni differenti: regista, interno, ala sinistra e destra.

Ma nell’ultima notte di Champions di scena al Calderón è andato oltre: ha deciso di trasformarsi nel Messi che freddò Neuer nella semifinale dell’anno scorso per mettere i bastoni fra le ruote, ancora una volta, ai bavaresi di Pep Guardiola. Più che un gol, ricorda da vicino uno slalom speciale degno delle piste del Sestrière per agilità, rapidità nel brevee movenze fluide e precise come fossero incanalate su di un percorso pre-stabilito. Insomma, un giocatore ricco di soluzioni e multi-tasking: proprio come l’altro Saul.

“L’Atlético è una società con valori forti, un modo di vivere la vita: umiltà, lavoro duro, sacrificio, unità e la forza della squadra.” (S. Niguez)

Diego Pablo Simeone ha una freccia in più nella faretra dei materassai madrileni: un metronomo mingherlino, un velocista sfrontato, un giocatore da calcio totale. Uno che si è rivelato decisivo per l’accesso in finale di Champions, in attesa dellennesimo, infuocato derby di Madrid. E se aveste qualche problema nella vita, un po’ di disordine in camera o un’agenda da riordinare, provate a chiamare Saúl: probabilmente vi risolverebbe anche quelli.

Perché “il modo di aprire una serratura si trova sempre”. Come quello per spaccare in due una difesa.

Scritto e disponibile su zonacesarini.net
Scritto e disponibile su zonacesarini.net