Super Spal, ma contro questo Napoli non basta

Partita incandescente quella conclusasi poco fa tra Spal e Napoli, squadre che non si affrontavano a Ferrara nel massimo campionato dal 22 ottobre 1967, quando il risultato fu di 2-1 per i partenopei, che come 49 anni fa portano a casa il risultato, stavolta vincendo 3-2 in una gara molto combattuta per tutti e novanta i minuti di gioco. Spal che, spinta dal proprio pubblico, parte fortissimo mostrando un calcio propositivo e una grande voglia di trovare il vantaggio, che arriva prontamente al minuto 13′ con Schiattarella, napoletano che segna al Napoli il proprio primo gol in Serie A; gli azzurri si svegliano dopo la rete dei padroni di casa trovando il pareggio poco più di un minuto dopo con Insigne, anche lui napoletano. Sull’1-1 la partita è combattutissima con tutte e due le squadre che vogliono trovare il sorpasso, che si concretizza per i partenopei con la rete di Callejon, pareggiata poi di nuovo dalla Spal con una punizione magnifica di Viviani, scaturita da un fallo ingenuo di Marko Rog, dunque nuova parità, tutto da rifare un’altra volta e sono ancora gli ospiti a sbloccare il risultato marcando il definitivo 3-2 con Ghoulam, che trova l’angolino di destro dopo una grandissima percussione.

Per il Napoli si tratta della sesta vittoria nelle prime sei di campionato, che rappresenta un record assoluto, oltre ad essere una grande dimostrazione di carattere per i partenopei, che l’anno scorso hanno perso tantissimi punti contro le ”piccole” a volte per troppa superficialità e altre per mancanza di carattere, che questa sera non si può dire sia mancato agli uomini di Sarri, rimasti grintosi e cinici nonostante siano stati costretti ad inseguire ed in seguito al vantaggio fossero stati raggiunti, un Napoli così può certamente ambire allo scudetto continuando a giocare su questo livello, unica nota negativa della serata per i campani l’infortunio al ginocchio destro (non quello operato lo scorso anno) di Milik, del quale nei prossimi giorni verranno valutati i tempi di recupero.

Dall’altra parte anche Semplici può dirsi più che soddisfatto in merito all’operato della propria squadra, che seppur perdendo ha tenuto testa ad una delle contendenti allo scudetto per tutta la partita, riuscendo anche a più riprese a dominare il terreno di gioco e mettendo in mostra un mix di esperienza e talento, con un centrocampo ottimo per una squadra che punta a salvarsi, nota di merito a Viviani, che ha gestito ottimamente la fase di impostazione, risultando tra i migliori in campo nelle fila ferraresi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *