Muntari è vittima della sua in-giustizia privata

Si suppone che chi è vittima di cori razzisti venga tutelato a prescindere. Lo suggerisce il buon senso. Ma durante Cagliari-Pescara è successo qualcosa che nessuno si sarebbe mai aspettato

L’accaduto – Minuto 87: Muntari si avvicina all’arbitro Minelli con atteggiamento deciso, e lì per lì sembra per protestare dopo la decisione del direttore di gara che ha appena assegnato un fallo ai sardi. Capita spesso, niente di eclatante. Ma le proteste continuano, e dalla gestualità del giocatore ghanese, che indica con veemenza il proprio braccio, e dal labiale si capisce “questo è il mio colore”, dicendo quindi all’arbitro che gli sono stati indirizzati dei cori razzisti. Ululati più che cori. Il regolamento prevede che la partita venga sospesa in un caso come questo, ma la discussione va avanti per 3-4 minuti e Minelli non sembra assolutamente voler ascoltare il giocatore del Pescara, che continua la sua protesta anche con gli assistenti. Muntari decide quindi di farsi giustizia da solo e abbandona il terreno di gioco prima del fischio finale.

Oltre al danno, la beffa – Non solo ha subito cori e ululati, non solo non ha visto nessuna reazione o voglia di approfondire la questione da parte dell’arbitro e dei suoi assistenti: nella lista dei giocatori squalificati per il prossimo turno, c’è anche il suo nome. Eh già, perché l’abbandono autonomo del campo viene considerato da espulsione, secondo il regolamento. Lo stesso regolamento che avrebbe dovuto difendere Sulley. E allora perché in un caso non viene applicato e in un altro sì?

Orecchio non sente, cuore non duole – La giustificazione del sestetto arbitrale è che nessuno di loro ha sentito i cori, eseguiti solo da qualche tifoso e che Muntari ha sentito perché in quel momento si trovava nella zona degli spalti dove questi erano ospitati. La squalifica al giocatore invece è semplicemente la conseguenza dell’applicazione del regolamento. Tutto può essere, quello che ha lasciato però un po’ interdetti è il modo con cui Minelli ha gestito le proteste del centrocampista, forse convinto che Muntari abbia scambiato dei “buu” di sfottò dei tifosi avversari con effettivi cori razzisti. La vicenda ha avuto un’eco enorme, tanto che l’Alto Commissario per i Diritti Umani dell’ONU Zeid Ra’ad al-Hussein ha definito la protesta del ghanese “Un esempio per tutti noi nella lotta al razzismo”.

Esempio che dovrebbe avere più seguito, anche solo per coerenza, perché quelli che insultano i giocatori di colore avversari, sono i primi che esultano quando quelli di colore della propria squadra li fa vincere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *