Archivi categoria: Atuttocampo

Da un’idea di Lorenzo Semino

L’eredità

Quando, alla fine della scorsa stagione, arrivò ai tifosi del Manchester United la notizia della separazione tra Red Devils e il tecnico Louis Van Gaal, molto probabilmente la grande maggioranza dei supporters tirò un sospiro di sollievo: poche soddisfazioni a Old Trafford (a dire il vero già dall’avvento di Moyes al posto di Sir Alex Ferguson), un gioco mai bello da vedere e poco decisivo per vincere un titolo in Premier League. Quinto posto in classifica, dietro agli odiati cugini del City che però vanno in Champions League, e la miglior difesa del campionato, con 35 reti subite. A dire il vero il titolo arriva, in FA Cup, in finale contro il Crystal Palace, ma è troppo poco per la società, che decide di sostituire l’olandese con José Mourinho.

Il nome, specialmente sotto la voce “liberi”, era troppo ghiotto per lasciarselo scappare, così gli viene data la gestione del club (con libertà di muovere il mercato) e tanti saluti a Van Gaal.

Tra le varie polemiche e delusioni, però, il povero Louis ha lasciato in eredità qualcosa di molto importante a José & Co.

25 febbraio 2016, il Manchester United, ai sedicesimi di finale di Europa League, affronta il ritorno della gara contro il Mitjylland, con l’andata finita 2-0 per gli avversari. Lo United è in piena emergenza in attacco, così Van Gaal decide di affidarsi ad un ragazzino, alla prima presenza in assoluto nel calcio dei grandi. Il ragazzino è Marcus Rashford, che realizza una doppietta contro i danesi e aiuta i suoi nel 5-1 finale.

Sembra una cosa di poco conto, due gol di un ragazzino debuttante contro una squadra di sicuro non rinomata per le sue qualità.

L’emergenza continua, e tre giorni dopo, il 28 febbraio, il ragazzino viene fatto debuttare anche in Premier League, stavolta contro l’Arsenal. 3-2 il risultato finale, con doppietta, tra 29° e 32° minuto,  e un assist proprio del giovane Marcus.

Non ci sono più dubbi, abbiamo di fronte una stella, che si saprà ripetere anche nel derby contro il Manchester City (gol decisivo dell’1-0) e che saprà far innamorare tutti gli appassionati.

Arriva Mourinho, dunque, e con lui anche Zlatan Ibrahimovic. Si prospetta una stagione difficile per il giovinotto, che però dimostra di sapersi adattare ad esterno sinistro togliendo il posto ad Anthoy Martial.

Rashfrod rappresenta l’eredità di quell’allenatore odiato fin dalle prime sconfitte, che appena ha visto lo spogliatoio scagliarsi contro di lui ha deciso di affidarsi ai più giovani (tanti i ragazzi della primavera lanciati da Van Gaal, tra cui anche Fosu-Mensah, promettentissimo ma non ancora esploso) e adesso, con Mourinho in panchina e Ibra in mezzo all’attacco, sta cercando di assimilare più possibile per il futuro.

La presenza di Ibrahimovic, però, rappresenta un ostacolo per lui. Lo svedese è un catalizzatore, con lui in campo la squadra ne diventa quasi dipendente, e se lo svedese non gira bene in campo spesso la squadra ne risente. Con lui in campo, inoltre, Rashford, punta centrale di ruolo, è costretto a giocare largo e, quindi, più lontano dalla porta. Nessun problema, per carità: l’inglese ha dimostrato di cavarsela benissimo nel nuovo ruolo grazie ad una velocità fulminante e una buonissima tecnica, ma è chiaro che in mezzo all’attacco riesca a dare il meglio di sé.

Ne è un esempio la prestazione contro il Chelsea di Conte, pochi giorni fa, con Ibrahimovic lasciato a riposo in vista del ritorno contro l’Anderlecht. Il giovane classe ’97 ha tenuto in scacco la difesa dei Blues, facendo impazzire il povero David Luiz e segnando la prima rete dell’incontro.

Tralasciando il controllo dubbio di Ander Herrera e l’errore in copertura del brasiliano, la posizione di partenza (sul filo del fuorigioco) è da attaccante esperto, lo scatto per seminare il difensore è da atleta, la visione della porta, con un rapido sguardo, da bomber vero.

Ieri abbiamo visto le due facce di Rashford: Ibrahimovic in campo, Marcus parte dalla sinistra e sfrutta la velocità e le sponde dello svedese per rendersi più volte pericoloso, ma è quando Zlatan esce che l’inglesino entra nel vivo del gioco e trova la rete del 2-1 ai supplementari, regalando la semifinale di Europa League ai suoi.

Adesso arriverà il bello per lui: nel corso dei supplementari, Ibra ha subito quello che potrebbe rivelarsi un brutto infortunio, atterrando male con il ginocchio, probabilmente con rottura del crociato.

La palla passerà dunque a lui, essendo l’unico vero attaccante in rosa, per portare i Red Devils in Champions League magari a discapito dei soliti rivali del Manchester City (4 punti di distacco, con il derby che si giocherà giovedì sera) e, chissà, vincere l’Europa League contro Lione, Celta Vigo e Ajax.

Ora tocca a lui raccoglierne l’eredità.

L’insostenibile leggerezza dell’Everton

[Immagine in copertina tratta da Internet]

Liverpool, patria di artisti, mercanti e viaggiatori. Goodison Park, Anfield Road, le statue di Bill Shankly e Dixie Dean davanti alle porte d’ingresso. Giusto per ricordarsi che qui niente è un gioco, che qui si confondono i santi con gli eroi.

IL MOMENTO D’ORO – Everton, Koeman, Lukaku, 57 punti in classifica.

CONTINUA A LEGGERE SU FOOTBALLPINTS.COM CLICCANDO QUI

E vissero tutti…

Ammettiamolo, visto l’ultimo periodo ci aspettavamo tutti che sarebbe arrivato questo momento, ma in cuor nostro speravamo che questo momento, appunto, non sarebbe mai arrivato.

Ieri sera, al King Power Stadium, verso le 21:10 (ora italiana) è finita, stavolta per davvero, la favola Leicester. 26° minuto, Saul Niguez raccoglie l’assist di Filipe Luis e supera Schmeichel, davanti ai tifosi delle Foxes che credevano nella rimonta. Credevano di ribaltare quel misero 1-0, siglato Griezmann su rigore, del Vicent Calderon. A nulla è servito, al 61° minuto, il gol del pareggio di Jamie Vardy, e a nulla sarebbe servito un altro gol (i campioni d’Inghilterra avrebbero dovuto vincere con almeno due gol di scarto).

Fine della favola, quindi. Fine di una favola iniziata nell’agosto del 2015 e sviluppatasi nel corso del tempo, in nove bellissimi mesi, con un bravissimo narratore quale è Claudio Ranieri e i magnifici protagonisti che rispondono al nome di Jamie Vardy, Riyad Mahrez, N’Golo Kanté e tutti gli altri.

Questo perché il Leicester City dell’anno scorso aveva, sì, tre giocatori fondamentali su cui basava il suo gioco (i tre sopracitati, appunto) ma la sua vera forza era il gruppo. E, quindi, quando a “toppare” erano loro tre ci pensava qualcun altro a metterci le pezze (che sia Okazaki, Drinkwater, Morgan, Huth, Ulloa…).

A titolo vinto è arrivato l’appagamento. Giocatori e società si sono sentiti sazi, si sono sentiti troppo sicuri di sé, e si sono lasciati andare, rendendosi protagonisti quindi di una stagione da dimenticare. La peggior stagione di una squadra campione d’Inghilterra.

A marzo arriva così l’esonero di Claudio Ranieri, che lascia la squadra in piena lotta per la lotta salvezza nelle mani di William… ehm… Craig Shakespeare con la speranza che, dato il nome, la tragedia si trasformi in salvezza. Ed in effetti la squadra si rialza e si avvia verso una salvezza tranquilla (adesso i punti di vantaggio sullo Swansea, terzultimo, sono 9 con una gara in meno).

L’errore più grande, e qui parlo di una mia personalissima opinione, lo ha fatto la società in estate, sacrificando N’Golo Kanté per il Dio Quattrino (ma bisogna anche vedere quanto può aver pesato la decisione del francese). Il classe 1991, non mi stancherò mai di dirlo, è un giocatore unico, che riesce a sistemare da solo la linea mediana. Hazard, qualche mese fa, disse che giocando insieme a lui pare di “giocare con tutti e tre i gemelli Kanté in campo” (e non ha gemelli, sia ben chiaro). Oppure gira la battuta “La Terra è ricoperta dal 70% d’acqua e dal 30% di Kanté”.

Questo per dire: N’Golo fa un lavoro eccezionale per la squadra in cui milita, correndo e sbattendosi per 90 minuti, 38 giornate all’anno (più coppe).

Tornando alla fine della favola: ieri, quindi, si è consumato l’ultimo atto, tra le lacrime dei tifosi e degli appassionati che speravano in un altro miracolo sportivo. Quando sarà possibile un’altra Favola Leicester? Difficile dirlo: in Premier le solite 6 hanno ripreso saldamente il potere (si è aggiunto anche l’Everton, settimo, che ha 13 punti di vantaggio sul West Brom ottavo), in Italia e Germania sarà difficilissimo scalzare Juventus e Bayern Monaco prima di 5-6 anni. In Spagna è un duetto Barcellona-Real Madrid infastidito dall’Atletico. Forse in Francia le cose sono più aperte, con il Monaco e il Nizza che stanno riuscendo a rendere la Ligue 1 un po’ meno monopolizzata dal PSG.

Resta il fatto di aver avuto la fortuna di assistere alla favola calcistica più bella degli ultimi anni, in cui una squadra di (non me ne voglia nessuno) gregari che si è imposta nel calcio che conta, nel campionato più ricco, antico e tradizionale d’Europa.

Ricorderemo tutti quel #GoFoxes, portandocelo stretto nel cuore.

Zehnsationnel – 29 giornata, noi non abbiamo paura

[Immagine in copertina tratta da Internet]

Anche in questa settimana iniziata con le feste pasquali, torna Zehnsationnel, la rubrica in 10 punti che si dissocia fermamente e con risolutezza dai fatti deprecabili successi a Dortmund in settimana. Ne parleremo più avanti.

  1. Ci aveva illuso o no questo Werder Brema? La squadra di Nouri torna alla vittoria nella giornata forse più importante, quella del derby anseatico del Weserstadion contro l’Amburgo. E dire che per i Rothosen inizia anche bene col vantaggio in avvio siglato da Michael Gregoritsch. I Werderaner, però, complici anche i risultati del Samstag di Bundesliga, operano un comeback prodigioso guidati da un ottimo Max Kruse. Goal e assist per l’ex Fohlen e 3 punti in riva al fiume che profumano di Europa, distante due punti.
  2. Sogno continentale che non culla certo l’Augsburg invischiato, com’è, nelle paludi impenetrabili di fondo classifica. I bavaresi, dal canto loro, giocano uno bello scherzetto al Colonia, loro sì, in corsa a un posto nella prossima Europa League. Tutto va a favore del Werder, non che ai Fuggerstädter non servissero come machete nella giungla questi 3 punti. A guidare la carica ci pensano Hinteregger e capitan Verhaegh col solito impeccabile tiro dagli undici metri. Inutile, se non per i tabellini, la rete del Colonia grazie a un autogoal di Max. Pesanti, invece, le due espulsioni a fine partita nei padroni di casa. Finnbogason e, soprattutto, Koo saranno assenze di rilievo. Dopo 3 sconfitte consecutive, l’Augsburg torna a muovere la classifica non abbandonando il terzultimo posto valevole lo spareggio salvezza/promozione. Il Colonia, al terzo stop nelle ultime 5 giornate, non approfitta delle sconfitte di tutte le contendenti all’Europa. Adesso il Werder è ben nitido dietro gli specchietti Geißbocke. A proposito di contendenti per l’Europa League, cade anche l’Hertha. Per i Berliner solo 3 punti nelle ultime 5, dove il decisivo autogoal di Brooks alla Opel Arena di Mainz segna, forse, il momento più basso. I padroni di casa ringraziano tenendo il passo dell’Augsburg e mantenendosi al quartultimo posto, così come il Dortmund che riporta a 10 le lunghezze di vantaggio sulla squadra di Dárdai.
  3. Ultimi posti, anzi, ultimo posto che registra la vittoria di orgoglio e cuore di una squadra che non ci sta a regalare nulla ma, al contrario, vuole regalarsi un finale di stagione di soddisfazioni. E’ quello che penso sia scattato nella mente di Torsten Frings e dei suoi ragazzi. Se la vittoria del Böllenfalltor contro il Dortmund aveva illuso, vincere contro lo Schalke gratifica il lavoro del tecnico e rende più amaro quello che sembra un esito, la retrocessione, già scritto. Ancora a segno Vrancic e Gondorf eroe di giornata con il goal decisivo nel recupero della seconda frazione. Nello Schalke rigore fallito da Burgstaller e goal di Coke. Determinante l’espulsione di Kehrer.
  4. La partita più divertente del Samstag di Bundesliga è quella tra Hoffenheim e ‘Gladbach. Quasi scontato, alla vigilia, che queste due formazioni con doti spiccatamente offensive, avrebbero offerto un simile spettacolo. Al termine della gara sono 8 i goal, 5 per i ragazzi di Nagelsmann, 3 per i Fohlen. Demirbay e Szalai guidano con una doppietta a testa le marcature della squadra di Sinsheim che mantiene le distanze dal Lipsia secondo e dal Dortmund quarto. Nel ‘Gladbach, invece, brilla la stella di Dahoud. Già acquistato dal Borussia Dortmund, il giovanissimo talento della Nazionale teutonica brilla e si impone con un goal e un assist. La squadra di Hecking frena ma è ancora in corsa per l’Europa League, distante due punti.
  5. Sesto posto utile a un piazzamento continentale che occupa il Friburgo con 41 punti. Anche i ragazzi della Schwarzwald cadono in questa giornata. 4-0 senza diritto di replica maturato a Lipsia. La squadra di Streich nulla può davanti i ragazzi terribili di Hasenhüttl. Segna Poulsen, segna Keita ma, soprattutto, segna Timo Werner. Per il Lipsia il sogno Champions diventa ogni giorno sempre più concreto.
  6. La stessa musichetta che, a meno di impronosticabili tonfi, dovrebbe poter sentire anche il Borussia Dortmund. Gli Schwarzgelben, dopo l’attentato subito in settimana e la seguente sconfitta nell’andata dei quarti contro il Monaco, erano chiamati a un compito più arduo del previsto. Verissimo che davanti c’era un Eintracht Francoforte irriconoscibile da settimane, ma il terrore dei ragazzi di Tuchel era stato lampante mercoledì e ampiamente comprensibile. Reus, tornato dopo l’infortunio che l’ha tenuto lontano dal campo per un mesetto circa, ci mette appena 3 minuti per timbrare il cartellino, dimostrando quanto un giocatore di questa caratura tecnica possa marcare una differenza grande quanto il territorio tedesco tra una sconfitta e una vittoria. Di Sokratis e Aubameyang le reti che firmano la vittoria dopo il momentaneo pareggio di Fabian.
  7. Se le Adler hanno il mal di vittoria, anche il Leverkusen fatica terribilmente da settimane. Le Aspirine, lo abbiamo più volte ripetuto, non hanno risolto un granché dopo l’esonero di Roger Schmidt. Tuttavia, il pareggio della BayArena contro la capolista Bayern può essere salutato alla stregua di una vittoria visto il momento diametralmente opposto delle due compagini. La gara termina a reti bianche nonostante l’espulsione del giovane Jedvaj in appena 9 minuti tra il 50 e il 59. Bayern che, con questo punto, ha la certezza della partecipazione alla prossima Champions League, mentre il Bayer non ha più alibi e deve ricominciare a correre. La zona calda è dietro, appena a 4 punti.
  8. Zona, come detto, torrida quella in basso, che vede in lotta ben 6 squadre (per adesso). L’Ingolstadt sembrava la più in forma del sestetto, ma la caduta rovinosa della Volkswagen Arena di Wolfsburg, contro una diretta concorrente, è di quelle che fanno male. L’autogoal di Suttner nei minuti di recupero del primo tempo mina le certezze degli Schanzer che, successivamente, affondano sotto i colpi di Malli e Mario Gómez. Vittoria pesante per i Wölfe che, forti del proprio successo, mantengono le distanze dalle vittoriose Mainz e Augsburg. Per l’Ingolstadt si tratta, invece, di una sconfitta più pesante del mero risultato. La contemporanea vittoria di chi sta davanti pesa come un macigno sulle residue speranze di salvezza che, nelle ultime settimane, si stavano palesando sempre più concretamente all’orizzonte. Non credo preoccupi la vittoria del Darmstadt lontano 10 punti in fondo alla classifica.
  9. A proposito di momenti pessimi, avendo già parlato ampiamente di Leverkusen e, soprattutto, dell’Eintracht Francoforte, ci concentriamo adesso su un Hertha da 3 punti nelle ultime 5. La squadra di Dárdai, dopo la preziosa vittoria interna contro il Dortmund, sembrava poter rilanciarsi per la rincorsa alla Champions. Invece, sembra che anche per quest’anno il sogno di riportare la massima competizione per club nella capitale tedesca rimarrà soltanto una chimera. Ci sarebbe da riflettere sul perché di queste partenze a razzo della squadra del tecnico ungherese e perché del successivo crollo nel Rückrunde. La sconfitta di Mainz non costa ai Berliner il quinto posto, ma dietro corrono e squadre come ‘Gladbach e, soprattutto, Werder sembrano in grado di inserirsi.
  10. Chiudiamo come avevamo iniziato, parlando brevemente delle sensazioni provate dopo la notizia che ha sconvolto Dortmund, la Germania e il mondo del Fußball. Un attacco vile che nulla ha a che vedere con la magia che questo sport sa trasmettere a tutti i suoi appassionati. Un tentativo subdolo di giocare con la storia di fratellanza e rispetto di un club, quello giallonero, che da sempre si è distinto, come altri, a favore dell’integrazione, in un momento particolarmente esasperato come quello attuale. Fisicamente ne ha fatto le spese Marc Bartra, difensore centrale spagnolo di scuola Barcellona. Psicologicamente ha azzerato le certezze di tutti, specie dei giocatori. Ci guarderemo bene, su questi schermi, di imputare quanto successo alla sconfitta patita col Monaco, ma è indubbio che da una situazione del genere si possa uscire solo insieme.Il Fußball. tedesco è stato scosso nelle sue fondamenta ma è tornato già nel Wochenende a scrivere pagine stupende di storia. Oli su tela di ineffabile bellezza che continueremo a seguire insieme su Zehnsationnel. La rubrica che, allegramente, spinge Werder e Ingolstadt ai loro obiettivi.

La giornata che è stata

[Immagine in copertina tratta da Internet]

Sono state ben 4 le gare terminate con segno X, tutte fondamentali. Alcune per la corsa al secondo posto, altre per la lotta salvezza: pari del Palermo, pari del Crotone, pari fra Genoa-Lazio e Roma-Atalanta. Nel mezzo un derby di Milano, il primo dagli occhi a mandorla, riacciuffato nel finale proprio come quello del 20 Novembre, quando a segnare allo scadere fu Ivan Perisic.

CONTINUA A LEGGERE SU BUONCALCIOATUTTI.IT CLICCANDO QUI

Inter-Milan decisa sul closing

È andato oggi in scena il primo derby della madonnina cinese in seguito al tanto sudato closing, arrivato in casa rossonera. Dopo le numerose polemiche dovute alla nuova proprietà (molto poco eleganti) è stato finalmente il campo a parlare. Partita molto confusa, con entrambe le contendenti che sentivano la pressione di una sfida dal sapore europeo; nei primi venti minuti è il Milan a fare la partita grazie ad uno straripante Deulofeu; lo spagnolo è davvero ispirato e dai suoi piedi arrivano dribbling scatti e triangolazioni con i compagni oltre che un palo colpito, mettendo un po’ di tecnica e giocate in una partita che si è giocata molto sui contrasti e sul fisico. Il dominio rossonero si rompe al 36′, grazie ad una zampata di Antonio Candreva, che approfitta di una svista difensiva di De Sciglio e infila da un angolo difficile un non perfetto Donnarumma.

 

Da questo momento è proprio la squadra di Stefano Pioli a prendere in mano il gioco e a creare occasioni, fino a quando con Icardi non trova il raddoppio al 44′ su deviazione sottomisura in seguito al cross di Perisic, per l’argentino è il primo goal in un derby, trovato dal numero 9 alla sua nona presenza in questa partita. Curioso notare come il capitano dell’Inter vada a segno in meno di una partita su due giocate: sono infatti tredici le partite in cui ha fatto gol (sei volte una rete, sei doppiette e una tripletta: totale 21) contro le diciassette a secco. Nel secondo tempo la partita cambia nuovamente l’andazzo, è il Milan ad assumere il controllo, sia del possesso (61%, sovvertendo una statistica spesso favorevole ai nerazzurri che hanno una media del 54% in questa stagione), che delle occasioni da goal (14 tiri totali, di cui 6 nello specchio, per l’Inter rispettivamente 10 e 4), senza però mai riuscire a trovare la via della rete fino al minuto 83, quando Alessio Romagnoli insacca in mischia sull’assist di Suso. All’Inter manca equilibrio dopo la sostituzione di Joao Mario e non riesce più a ripartire ed il Milan ci crede fino alla fine e con tanto cuore trova il pareggio al 97′, grazie a Cristian Zapata, anche lui al suo primo goal in derby.

TOP E FLOP – I migliori dell’Inter non sono I due marcatori, bensì I due che hanno dato più sostanza alla squadra permettendo di costruire il momentaneo 2-0; Joao Mario era infatti stato fondamentale ai nerazzurri al fine di mantere un equilibrio a centrocampo, sono arrivate grazie a lui due nitide occasioni da goal e ha recuperato quattro palloni su quattro contrasti tentati. Altro top dell’Inter sicuramente è stato Handanovic, in grandissima forma oggi e che con le sue uscite ha spesso salvato I suoi compagni dallo svantaggio nella prima frazione di gioco, piccolo errore in uscita sul goal di Zapata che non macchia una prestazione maiuscola. Flop sono stati invece Medel, insicuro in fase difensiva ed incapace di dare apporto difensivo nella parte finale della partita quando è stato spostato in mezzo al campo, e Murillo, che da subentrato ha dato tutt’altro che sicurezze al pacchetto difensivo nerazzurro, per il colombiano una notevole involuzione.

Per quanto riguarda il Milan i due top sono facilmente individuabili, ovvero Deulofeu e Zapata: il primo in quanto trascinatore dei rossoneri e uomo più pericoloso della partita (6 dribbling riusciti e un palo colpito), mentre il secondo per via del goal allo scadere, ciliegina sulla torta di un’ottima partita, condita dalla quasi totalità dei contrasti vinti e un’ottima gestione del possesso palla in fase difensiva. Flop invece De Sciglio, errore imperdonabile sul primo goal di Candreva oltre che troppo poco propositivo e carismatico. Discorso analogo per il secondo flop rossonero, ovvero Carlos Bacca, il quale sbaglia il potenziale vantaggio a pochi passi dalla porta e non riesce mai a rendersi particolarmente pericoloso durante la partita, anche per lui il carattere è un elemento assai negativo.

Il primo derby con gli occhi a mandorla

[Immagine in copertina tratta da Internet]

L’ultimo derby nel periodo pasquale ci riporta al 10 aprile 1993 giorno in cui Gullit, il tulipano nero, con un grandissimo tiro al volo aveva pareggiato il primo gol di Nicola Berti contribuendo notevolmente alla vittoria del campionato stesso proprio sopra l’Inter di Mister Bagnoli. Le cose sono sensibilmente cambiate e prima di rivedere le due milanesi sui gradini più alti del podio chissà quanta acqua dovrà ancora passare sotto i ponti meneghini.

Nonostante orari strani e posizioni in classifica non invidiabili, Milano è in fibrillazione già da tempo pronta a un gran match. Ci si aspetta una probabile contestazione da ambo le parti, per le abitudini italiane un derby della madonnina alle 12.30 pare una beffa bella e buona. Bisogna far largo alla rassegnazione, ormai Cina e Asia la fan da padrone e 556 milioni di telespettatori potenziali sono un’occasione troppo ghiotta per la Lega Calcio, visto anche l’enorme ricavo dal punto di vista dei diritti televisivi.

18.30 Pechino 12.30 Milano: chissà chi si godrà di più la partita.

Il derby dei punti interrogativi – 31 anni dopo il primo derby “Berlusconiano” il Milan si trova in mani nuove, fresche di closing. Sulle due sponde i punti di domanda si accumulano ogni giorno di più, riguardanti da una parte un closing e una nuova società molto (forse troppo) enigmatica, dall’altra un progetto che pare più solido ma che non riesce a dimostrarlo coi risultati. Una stacittadina che non vedrà più solo Bauscià contro Casciavit ma che potrà valere una supremazia anche in Oriente. La dittatura delle ali dal punto di vista tattico i riflettori saranno sicuramente puntati sugli esterni offensivi, la sfida a quattro vede due spagnoli contro un croato e un italiano, Suso e Deulofeu con il mantra della fantasia e delle invenzioni, Perisic e Candreva sulla falsa riga della forza fisica e della velocità, condita da un gran tiro.

Milan – Montella pare avere dubbi solamente a centrocampo vista la squalifica di Pasalic, il prescelto pare essere Mati Fernandez al fianco di Kucka e del Principito Sosa, meno probabile la presenza di Locatelli. Attacco certo con Suso e Deulofeu al servizio di Bacca e linea di difesa presieduta da Zapata e Romagnoli

Probabile formazione (4-3-3): Donnarumma; Calabria, Zapata, Romagnoli, De Sciglio; Kucka; Sosa, Mati Fernandez; Suso, Bacca, Deulofeu.

Inter – Pioli rimane sul suo prediletto 4-2-3-1 Probabile panchina per Murillo, a gestire la difesa ci sarà Medel ad affiancare Miranda, solito ballottaggio sulla trequarti tra Joao Mario e Banega. Gagliardi riprende il suo posto davanti alla difesa mentre Icardi spera finalmente di purgare il diavolo unica squadra mancante nella sua lunga lista di vittime in Serie A.

Probabile formazione (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, Medel, Miranda, Nagatomo; Gagliardini, Kondogbia; Candreva, Joao Mario, Perisic; Icardi.

In generale i rossoneri sperano di continuare a volare sulle ali dell’entusiasmo vista anche la continuità dei risultati sotto i riflettori di San Siro. L’Inter deve invece far dimenticare ai suoi tifosi una sconfitta molto pesante e il derby sulla testa di Pioli pare essere una vera e propria spada di Damocle. Chissà che tipo di risposte riuscirà a darci questo speciale sabato mattina spartiacque. Si spera che almeno lo spettacolo sia soddisfacente quanto un All You Can Eat da 13€ a pranzo.

Tel Chi El Telùn

 

La giornata pasquale di Serie A come uno spettacolo di Aldo, Giovanni e Giacomo.

I cinesi come gli spagnoli, interpretati dai comici in questione sotto abiti rossoneri: nella gara delle 12.30, infatti, sarà il Milan a farla da protagonista dopo aver messo a compimento il fantomatico closing? In casa giocherà invece l’Inter, che ha vinto l’ultimo derby nel quale a trionfare sia stata la squadra “ospite”. Era il 15 gennaio 2012, a segno El Principe Diego Alberto Milito.

CONTINUA A LEGGERE SU BUONCALCIOATUTTI.IT CLICCANDO QUI

 

 

 

La Fenice

(Immagine di copertina trovata su internet)

Favoloso uccello sacro degli Egizi, simile per l’aspetto a una grossa aquila, con vivido piumaggio multicolore, a cui si attribuiva la peculiarità di morire bruciato alla fine di un periodo di 500 anni, e di rinascere quindi dalle proprie ceneri

Come non parlare di una rinascita, seppur calcistica, in tempo di Pasqua? Nel suo piccolo, senza scomodare paragoni troppo biblici, quella di Radamel Falcao si può definire proprio questo: una rinascita.

Tra il 2011 e il 2013, l’Atletico Madrid ha avuto tra le mani quello che, ai tempi, era il centravanti più forte del mondo. Non basava il suo gioco sul fisico, vista la statura (177 cm), ma sulla rapidità, di movimento e di pensiero, e sullo stacco poderoso, capace di portarlo ben oltre i saltatori avversari e segnare di testa, al volo, rovesciata…

Un sorridente Falcao alla presentazione con il Monaco (immagine trovata su internet)

Nell’estate passò, tra mille mormorii, al Monaco del ricchissimo Rybolovlev, magnate russo che voleva stoppare la supremazia del PSG in Francia. A fermare El Tigre, però, non furono i difensori della Ligue 1: nel gennaio del 2014 un bruttissimo infortunio al ginocchio sinistro mette fine alla sua stagione, impedendo anche la convocazione al Mondiale brasiliano.

Finita la stagione, e recuperato del tutto, la sua voglia di rivalsa lo porta in Premier League per due anni, tra Manchester United e Chelsea, dove però non trova mai continuità.

Torna in Francia, con la coda tra le gambe, e le domande di molti appassionati si chiedono: “Che ne sarà di lui?”. Si parla di Serie A (difficile, visto l’ingaggio comunque molto alto), di ritorno in Spagna o di Saudade (passatemi il termine, anche se non è brasiliano) in Sudamerica, magari proprio nel River Plate che lo aveva lanciato verso l’Europa.

Invece no. Radamel non si arrende, ha 31 anni e vuole provare a mantenere la promessa fatta il giorno del suo arrivo nel Principato: fermare la supremazia del PSG.

Falcao esulta con il compagno di reparto Mbappe (foto: SKY)

Si mette a lavorare, quindi, e anche grazie al lavoro del tecnico portoghese Jardim e ad una squadra piena di giovani in rampa di lancio, si riscopre la macchina da gol di un tempo.

Nel 4-4-2 dei biancorossi, il numero 9 fa la punta insieme al talentino francese Kylian Mbappe (che ricordiamo NON essere il nuovo Henry) e mette a segno 17 reti in campionato e 6 in Champions League, con i monegaschi che si giocheranno il ritorno in casa contro il Borussia Dortmund forti della vittoria per 3-2 dell’andata. Come se non bastasse, proprio loro sono primi in classifica in Ligue 1, con tre punti di vantaggio sul PSG (fuori dalla CL) e quattro sul Nizza dell’altra fenice Balotelli.

Si può dire, con la dovuta cautela, che Radamel sia tornato, che sia pronto a prendersi ciò che il calcio gli deve e che non gli ha dato negli ultimi anni.

Sperando sia l’inizio di una nuova fase, seppur breve, di una folgorante storia.

Ma sono mille papaveri, Rossi

[Immagine in copertina tratta da Internet]

‘Le tue parole sono sassi’ canta un noto compositore italiano. Il riferimento calza a pennello con il messaggio stoico (classicisticamente parlando) di Giuseppe Rossi, uscito dall’ospedale ma appena entrato a gamba tesa dentro l’ennesima sfida che nasce quando ti rompi un legamento crociato. Se poi si tratta del ginocchio ‘buono’, sembra davvero che la sorte ti stia prendendo in giro.

PER CONTINUARE A LEGGERE SU IOGIOCOPULITO.IT CLICCA QUI