Barliamone – Il piacere di una SPA(L)

Esistono vari modi per staccare dalla vita quotidiana, trovare un’oretta solo per noi stessi e rilassarci; questo modo può essere stendersi sul divano, fare una passeggiata, andare al mare o nel caso femminile (il più delle volte) andare in una SPA, o più comunemente chiamata “centro benessere”. Gli abitanti di Ferrara hanno trovato quest’anno un altro modo, simile al precedente citato, di “staccarsi” dalla vita normale e godere per 90 minuti: la SPAL. La SPAL è la squadra principale di questa città e quest’anno sta sbalordendo tutti. Nata nel 2013, la società bianco-azzurra ha costruito un notevole progetto che sta andando oltre ogni previsione. Pur non essendo partiti alla grande perdendo 5-1 in Coppa Italia da un Cagliari guidato da uno strepitoso Borriello autore di un poker, i ragazzi bianco-azzurri all’esordio casalingo hanno non battuto, bensì umiliato una squadra come il Vicenza che è una veterana del campionato cadetto.

Le vittorie non sono state numerose a inizio campionato, come è giusto che sia per una squadra che è la prima volta che prende parte a una competizione simile, ma con l’arrivo di Ottobre è partita una striscia di risultati utili incredibile, alcuni con prestazioni spettacolari come la vittoria (sempre 3-0) contro l’Avellino con la tripletta di uno strepitoso Mirko Antenucci, o per 3-1 su un Carpi reduce dalla serie A.

Pochissime le sconfitte di questa formazione, giusto contro il Frosinone, con cui al momento si sta contendendo la vetta, e contro la Pro, non esattamente un top team ma errare è umano. Di chi è il merito di questo sogno? Indubbiamente grande merito va attribuito al mister Leonardo Semplici. Ma la fusione tra l’esperienza di giocatori come Antenucci e Schiattarella alla gioventù e voglia di vincere di Bonifazi e il neo-acquisto Lazzari ha dato quel brio in più per portare ad alti livelli la SPAL; se ci aggiungi anche il muro Meret troviamo una combinazione di efficacia, tecnica e umiltà molto rara in quel campionato.

Il campionato non è ancora finito, non possiamo sapere se i bianco-azzurri manterranno questo ritmo, se arriveranno primi o se si qualificheranno ai play-off. Quello che sappiamo è che stiamo vedendo realizzarsi il sogno di una città intera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *