Tutti gli articoli di Antonio De Paola

Polveri bagnate: con il Benevento un pari che non serve a nessuno

[Immagine di copertina tratta da Internet]

Ci si attendeva un match pirotecnico, ma il tabellino dice che è stato tutto l’opposto: a Benevento non si va oltre lo 0-0. Al Vigorito è andato in scena lo scontro tra la quarta e la nona forza del campionato; entrambe le squadre avevano bisogno dei 3 punti, il Benevento per rimanere aggrappato al terzetto in testa al campionato, l’Entella per consolidare la presenza in zona playoff.

LA PARTITA – Il canovaccio era facilmente prevedibile: Benevento offensivo con un 4-3-3 e che prende da subito in mano le redini del gioco, costringendo i biancocelesti ad utilizzare le ripartenze come unica arma di offesa; qualcosa però blocca entrambe le formazioni, che in copertura giocano una buona partita ma la vena offensiva è poco ispirata. E non c’è notizia peggiore per lo spettacolo quando in campo ci sono talenti cristallini come Catellani da una parte e Ciciretti dall’altra, da cui ci si può aspettare in qualsiasi momento la scintilla che può cambiare la storia della gara. Un primo tempo vivo ma che non scalda gli animi, e la prova sono le non difficli parate da parte di Cragno (2) e Iacobucci (1). Nient’altro da segnalare. Nella ripresa cambiano gli interpreti (al 52′ Falco rileva Ceravolo) ma il copione rimane invariato: giallorossi che guidano la manovra, Virtus più vivace che si chiude e riparte. Proprio da una ripartenza nasce la prima vera occasione per la squadra di Breda; pennellata dalla sinistra di Catellani per Caputo, che da centro area colpisce al volo: botta centrale, para Cragno. In grande spolvero il portiere classe ’94, che sventa anche una botta al volo di destro di Palermo. Visto che la partita non si risolve con la tecnica, si prova a risolverla con la scaramanzia: solito cambio che settimana scorsa ha portato al raddoppio sul Bari, dentro Diaw per Catellani. Ma oggi più che bagnate, le polveri sono sotto un metro d’acqua: su un altro contropiede proprio Diaw si fa ipnotizzare da Cragno, che mantiene lo 0-0. Anche per i neoentrati beneventani Eramo e Viola, nulla da mettere a referto. Tabellino che al 90′ segna il solito punteggio del 1′ minuto: 0-0.

LA FEBBRE DEL SABATO POMERIGGIO“Verve” offensiva di entrambi gli 11 che oggi è risultata spenta, con la “Doppia C” biancazzurra (Caputo-Catellani) che non lascia il segno nella retroguardia del Benevento; stessa valutazione per il reparto avanzato della formazione di casa, con un Ciciretti che è sembrato un lontano parente della scheggia impazzita che siamo abituati a vedere. Prestazioni che spiccano sono quelle di Ceccarelli e Baraye: il primo è un muro, respinge regolarmente i pericoli nella sua zona in almeno 2 occasioni nel primo tempo: toglie dalla testa di Ceravolo un pallone insidioso al 23′, e si immola sull’unica conclusione degna di questo nome di Ciciretti al 36′. Il secondo, dopo la grande partita al Comunale contro il Bari, è artefice di un’altra grande prova e conferma la sua crescita, diventando sempre più un perno nell’economia della squadra di Chiavari.

PUNTO INUTILE – Il pareggio di oggi ha il retrogusto di un’occasione sprecata, vista la poca ispirazione della squadra di casa; Virtus che è sembrata troppo preoccupata di non subire goal piuttosto che di segnarne, nonostante nella ripresa si sia vista maggiore intraprendenza. L’ottavo posto resta a un punto, e se il Novara dovesse fare il colpaccio con il Verona ci sarebbe un’altra avversaria da superare; se il tandem d’attacco avesse funzionato come al solito, il sesto gradino della classifica oggi farebbe tappa a Chiavari. Con i “se”e con i “ma” però si va poco lontano, e il prossimo turno di lunedì contro la Salernitana si prospetta ostico, perché i granata vengono da due partite positive: pareggio nel derby con il Benevento e vittoria ieri sul Brescia. Perciò è imperativo scrollarsi di dosso la poca lucidità incontrata ieri, perché tutto è ancora da decidere, e la Virtus vuole ancora poter dire la propria.

PSG con i remi in Barça. I blaugrana scrivono la storia.

OBIETTIVO: SCRIVERE LA STORIA- Dopo il 4-0 da fantascienza al Parco dei Principi, è una partita che rimarrà alla storia, comunque vada: per il Paris c’è l’occasione più che concreta di eliminare la squadra dei marziani, facendo fruttare il bottino dell’andata; per il Barcellona, la voglia di ribaltare un 4-0, impresa mai riuscita prima.

Pronti, partenz… 1-0!! Neanche il tempo di partire, Suarez la butta dentro. Prevedibile, si immaginava che il Barcellona avrebbe tentato un assedio prorompente. Dopo la dormita difensiva, il PSG si ricorda che il riscaldamento è finito; decide di iniziare a impostare una partita difensiva, e l’unica opzione d’attacco sono le ripartenze, che con Lucas e Draxler possono essere devastanti: prevedibile.

Quello che non si può prevedere è il colpo del campione, del genio assoluto: al 40′ Andres Iniesta tira fuori dal cilindro un colpo di tacco che manda in cortocircuito Trapp e Kurzawa, che la butta dentro, ma nella porta sbagliata: 2-0.

LA “MSN” – “Messi-Suarez-Neymar”? No. “Mai Stati Normali”. Perché il trio sudamericano decide che è il momento di entrare negli almanacchi di storia. Dopo 5 minuti della ripresa Neymar si procura un rigore per fallo di Meunier. Neymar scrive, Messi esegue: 3-0. Il Camp Nou è in visibilio, l’impresa ora è possibile.
O forse no: Cavani porta sul 3-1 il risultato, con un collo esterno che fulmina Ter Stegen. Minuto 62′. Gli stati d’animo si invertono: al Barça servono altri 3 gol, perché quello del Matador, in trasferta, vale doppio. Euforia Paris, sogni infranti Barcellona.

“Mai Stati Normali”. Già. Una squadra normale sarebbe già con la testa negli spogliatoi, a pensare a quanto sarebbe stato bello riuscire almeno a portare la partita ai supplementari. Soprattutto se se il cronometro segna 87′.

Ma “O’ Ney” dipinge una punizione capolavoro, e Trapp non può fare altro che raccogliere il pallone dal fondo della rete. Barça 4. PSG 1.

Sembra impossibile. SEMBRA. Dicevano i latini “fortuna audaces iuvat”: stasera i più audaci sono quelli con la casacca a bande rosso-blu, e la fortuna decide di assisterli. O meglio, l’arbitro. Al 90′ rigore (molto) generoso per fallo su Suarez: il rigorista designato con la 10, che di nome fa Lionel, lascia il posto al brasiliano: anche Messi si è accorto che Neymar stasera ha il piede magico. Rincorsa al cardiopalma, il silenzio prima del boato: 5-1.

5. Minuti. Di. Recupero.

Panico negli occhi dei parigini. “Garra”, grinta in quelli dei catalani. Per 5 minuti la palla non entra più, la candela della speranza sembra aver finito la cera.

IL GOAL DELLA STORIA – È l’uomo meno atteso che la risolve. Sull’ultimo pallone disponibile buttato nell’area del PSG, la difesa in maglia bianca è concentrata su Piqué, il più pericoloso sui palloni alti, con 3 uomini su di lui. Ma si perde Sergi Roberto, uno dei più piccoli: sbuca alle spalle di Matuidi, e in spaccata trafigge Trapp. 6-1!!!
PARADISO BLAUGRANA. Fischio finale: la storia è scritta.

LEGGENDARI, MA CHE SPRECO PSG – Il miglior sceneggiatore non avrebbe saputo scrivere trama più avvincente. Ci possono essere milioni di interpretazioni, su vittoria meritata o meno, per aiuti arbitrali o meno. Un fatto però certo c’è: il PSG ha sprecato un’opportunita più unica che rara. Dopo una vittoria per 4-0 in casa, al Camp Nou devi pensare a difenderti a oltranza. Emery ha impostato la squadra come se quella di ieri fosse una partita qualsiasi. Centrocampo troppo votato al palleggio e poco all’interdizione, con l’ingresso di Krychowiak che è stato effettuato quando ormai il Barcellona aveva deciso che l’avrebbe vinta. E Kimpembe lasciato in panchina, dopo la sontuosa prestazione di Parigi con un Suarez anestetizzato, è un’enorme falla nell’11 iniziale.
Forse pensava di poter fare la partita anche al Camp Nou. Atteggiamento audace. La fortuna aiuta gli audaci. Ma in una partita ad eliminazione diretta, solo 11 giocatori possono uscirne vincitori. E questa volta, la dea bendata ha deciso di posarsi su quelli “Mai Stati Normali”.

Entella a 360°: Adesso credici!

Immagine di copertina tratta da Internet

UN’ANALISI GENERALE – Forse è arrivato il momento di alzare l’asticella. Forse è arrivato il momento di farsi stare bene addosso l’etichetta di squadra pronta a tentare il grande salto. Tra così tanti forse però, una cosa è molto chiara quest’anno: si può e si deve puntare ai playoff.

Dopo il primo anno di B ovviamente senza botti, necessario per l’ambientamento alla nuova categoria, a Chiavari i tifosi hanno iniziato a pensare in grande, e mai come ora la fase finale del campionato è lì, a un palmo di naso.

PERCHÉ CREDERCI – Vedendo giocare i “diavoli neri” si ha la sensazione che si stia guardando una squadra matura, con anni di esperienza nel campionato cadetto. L’atteggiamento, la maturità con cui affronta le partite, un gioco fluido, organizzato, e soprattutto la conseguenza di questi elementi: le vittorie contro le grandi; su tutte il 4-0 ai danni del Brescia, l’1-0 al Cesena e il 4-1 al Novara nel girone d’andata.

Ma il girone di ritorno è partito carico di “sorprese” (se così si possono ancora considerare), visto che all’elenco delle vittime illustri si sono aggiunte Carpi (2-0) e Bari (2-0), dirette concorrenti per un posto tra le prime 8.

Altro elemento: quei due lì davanti. Caputo e Catellani formano una delle coppie più in forma del momento, perché decisivi anche quando non segnano (e capita raramente, specie a Caputo, nella classifica marcatori dietro solo a Pazzini con 14 centri).

“Segno io o segni tu?” – (Immagine tratta da Internet)

LE CHIAVI DELLA PARTITA –  Troviamo un esempio proprio nella vittoria di sabato: una volta tanto è il numero 9, ex della partita, che serve ad Ammari il pallone dell’1-0 al 27′ del primo tempo.

Si fa notare spesso anche il suo compagno di reparto Catellani, che spaventa la retroguardia biancorossa ogni volta che entra in possesso.

Il goal del raddoppio siglato da Diaw, subentrato proprio all’ex Carpi, è figlio di uno dei tanti orrori difensivi dei baresi, non di certo di una cattiva prestazione del 10 biancoceleste.

Altra grande prestazione è quella di Troiano: il capitano spadroneggia attorno al cerchio di centrocampo annullando il diretto avversario Basha, e nel primo tempo sfiora addirittura la rete, con un colpo di testa che si stampa sulla traversa.

 

NON SVEGLIATELI – La prossima partita in casa del Benevento, terreno ostico per tutti, ci darà altre informazioni per giudicare il percorso della Virtus: l’obiettivo è portare a casa i 3 punti, come all’andata, perché solo questo è il modo per continuare a sognare e far sognare.

I playoff non aspettano nessuno; l’Entella vuole continuare a correre.