Spal, Hellas Verona e Benevento

Immagine tratta da Internet

Il livello delle neopromosse si è alzato rispetto allo scorso anno e questo campionato ha tutte le premesse per regalarci un’appassionante lotta salvezza.

Il campionato di Serie A 2017/2018 è oramai alle porte ed a poco più di 20 giorni alla fine del mercato le squadre che prenderanno parte al campionato cominciano a delinearsi e con esse i loro valori potenziali, molto si è parlato delle grandi squadre, ma poco delle neopromosse. Andiamo perciò ad analizzare il mercato da loro attuato e quante possibilità SPAL, Benevento ed Hellas abbiano di salvarsi con i nuovi innesti: partiamo dal Benevento, che si appresta a disputare il primo campionato di Serie A della propria storia, dopo aver compiuto il ”doppio salto” dalla Lega Pro, impresa riuscita recentemente anche al Carpi tra il 2013 e il 2015, oltre che ad un’altra neopromossa di quest’anno, ovvero la SPAL. Per i campani in panchina confermato Baroni, il quale ritrova una rosa decisamente diversa rispetto a quella della scorsa stagione, nove sono state le cessioni, anche di nomi chiave come Cragno, Falco e Pezzi, i primi due per la fine del prestito e l’ultimo ceduto al Cittadella a titolo definitivo, compensate però da dodici arrivi tra i quali spiccano alcuni nomi importanti e di esperienza nella massima serie: Cataldi, Costa e D’Alessandro. Nei potenziali titolari sono complessivamente sette gli uomini che cambiano, oltre ai precedentemente citati infatti vanno aggiunti Belec, Di Chiara, Letizia e Coda. Benevento per il quale il mercato non è tuttavia terminato, si parla infatti, in seguito al raffreddamento della pista Kishna per problemi legati all’ingaggio, di un possibile arrivo di Alessandro Matri, con il quale la trattativa sarebbe già avviata. Calciomercato per i giallorossi fino a questo momento da 7-, dovesse arrivare Matri 7.
Proseguiamo con la squadra arrivata seconda l’anno scorso, l’Hellas Verona,il quale cede nove giocatori, ma, forte di una maggior disponibilità economica rispetto alle altre due neopromosse, quasi nessun titolare eccezion fatta per Pisano e Siligardi, acquistando invece diversi giocatori di spessore, che potrebbero permettere ai Veronesi di condurre un campionato relativamente tranquillo, sono nove complessivamente gli arrivi, tra i quali sono da evidenziare Cerci, Heurtaux, Caceres e Verde i quali quasi sicuramente andranno ad inserirsi negli undici titolari di Pecchia. Verona che non accenna tuttavia a fermarsi, sembra molto vicino infatti l’arrivo di Kishna dalla Lazio, ma è forte l’interesse anche per Iturbe, che tornerebbe nella squadra che lo ha lanciato dopo alcune stagioni anonime. Voto al mercato dei gialloblù 6,5.
In ultimo analizziamo il mercato della SPAL, la quale torna in Serie A dopo 49 anni vincendo consecutivamente Lega Pro e Serie B. Diversi i cambiamenti nelle fila di Semplici, sono infatti dieci le cessioni, bilanciate però da undici acquisti, tra i quali diversi volti noti della massima serie, quali Mattiello, Oikonomou, Rizzo, Viviani, Grassi, ma sopratutto Felipe (301 presenze nel massimo campionato) e Paloschi (194 presenze in A e 50 gol). Complessivamente potrebbe variare per 6/11 la formazione titolare dei Ferraresi, che saranno guidati in attacco dalla coppia Paloschi-Floccari, che potrebbe fare scintille e creare problemi a più di qualche difesa nell’arco del campionato, se ad essa a centracampo aggiungiamo il buon tasso tecnico di Grassi e l’esperienza di Viviani, il risultato è una squadra che a livello tecnico ha tutti i mezzi per potersi salvare,per la SPAL il mercato è da 7 e mezzo, anche se non ancora chiuso, potrebbero infatti concretizzarsi ulteriori arrivi di alto livello, come il giovane Bonazzoli (attualmente di proprietà della Samp), che fornirebbe una valida alternativa a Floccari il quale difficilmente potrà giocare tutte le partite e Ajeti (ex Torino attualmente in forza al San Gallo).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *